“Dobbiamo tutti rimanere in contatto per spingere la palla nella porta giusta”

 

La pandemia di Covid 19 ha innescato un’impennata dello sviluppo digitale. Nell’intervista, Cornelia Meier, MD, racconta le sue esperienze. È specialista in medicina interna generale FMH e co-presidente della Società dei medici del Cantone di Soletta GAeSO. Nel suo studio, utilizza il servizio “AD Swiss Covid-Impfen” dal gennaio 2021 e ha accompagnato il suo sviluppo come utente pilota.

 

Dottor Meier, come è nata la sua collaborazione con AD Swiss?

A causa dei difficili sviluppi in materia di scambio di dati nazionali a livello di cartella informatizzata del paziente (CIP), come associazione medica cantonale abbiamo fatto conoscere da tempo ai nostri membri i servizi di AD Swiss. In particolare, perché non è necessario installare programmi aggiuntivi per utilizzare i servizi di AD Swiss, ma i fornitori di servizi sono già “pronti” per gli ulteriori accessi attraverso il loro collegamento HIN.
Durante questa pandemia, siamo stati in contatto precoce e regolare con le autorità sanitarie cantonali (GesA). In questo modo, siamo riusciti anche a convincere le autorità cantonali che l’accreditamento di AD Swiss come unità di reporting nei confronti della Confederazione e del Cantone è una situazione vantaggiosa per tutti.

 

Siete già stati coinvolti nella fase pilota del servizio “AD Swiss Covid vaccination” e avete fornito un feedback. Com’è stata quell’esperienza?

Siamo stati in grado di fare esperienza con i processi in cinque pratiche pilota nel cantone già nel gennaio 2021. I problemi potevano così essere registrati su base 1:1 e analizzati insieme ad AD Swiss dove le leve di miglioramento potevano essere applicate prima che le vaccinazioni e i relativi processi fossero poi introdotti nelle pratiche da metà aprile. È stato uno sviluppo a rotazione e, in retrospettiva, una buona esperienza per il sistema che oggi funziona molto bene. Ha reso chiaro quanto siano importanti l’interazione e la comunicazione da entrambe le parti.

 

Come utilizzate voi stessi “AD Swiss Covid-Impfen” nella vostra pratica oggi?

Ad oggi, abbiamo effettuato circa 800 vaccinazioni nel nostro studio. All’inizio, abbiamo tenuto dei pomeriggi di vaccinazione per far fronte al gran numero di persone che volevano essere vaccinate ma non volevano andare in un centro di vaccinazione per vari motivi. A questo scopo, l’intera operazione è stata chiusa a favore dell’organizzazione della vaccinazione. Nel frattempo, con le procedure praticate e il personale addestrato, possiamo offrire da 20 a 24 vaccinazioni al giorno senza interrompere le operazioni. Grazie ad AD Swiss e all’interfaccia integrata nel software dello studio, i processi amministrativi sono diventati molto più semplici, snelli e pratici.

 

Che feedback hai ricevuto da altri medici di Soletta?

Era importante che i medici di Soletta avessero istruzioni adeguate e persone di contatto affidabili in caso di problemi a causa dei grandi ostacoli amministrativi, dall’ordinazione delle vaccinazioni e dalla registrazione all’emissione dei certificati di vaccinazione. All’inizio, ci sono stati alcuni problemi iniziali, che hanno richiesto molti nervi al momento dello stress con 50-60 vaccinatori in attesa nella pratica, che volevano essere serviti corona-compliant con intervalli e nella tradizionale cordialità. Ma la volontà del team di AD Swiss di testare e rendere disponibili nuove versioni e di liberare capacità di server a favore di un aumento della velocità del sistema, anche nelle azioni notturne e nella nebbia, ha calmato i nervi. Alla fine, il feedback sul supporto dei sistemi AD Swiss non è stato altro che positivo.

 

Parola chiave certificato Covid: quali esperienze ha avuto con esso?

Siamo anche strettamente coinvolti nel dialogo tecnico con il cantone per quanto riguarda il rilascio dei certificati. Ha senso che l’ufficio che ha vaccinato le persone e quindi registrato i dati personali rilasci anche il certificato. Così, la maggior parte delle pratiche hanno anche rilasciato i certificati di coloro che sono stati vaccinati prima del 30 giugno 2021 in modo retrospettivo. È stato di grande aiuto che questo fosse finalmente possibile nel sistema svizzero AD in una procedura semplificata “premendo un pulsante”, compreso l’invio tramite la Confederazione.

 

Il cantone di Soletta ha autorizzato per tempo AD Swiss come cosiddetta “unità di segnalazione”, affinché il servizio “AD Swiss Covid vaccinazione” possa essere utilizzato dai medici del cantone. Che consigli ha per i colleghi dei cantoni che non sono ancora autorizzati?

Come ho detto, eravamo già molto coinvolti nei dialoghi specialistici con il cantone dall’inizio della pandemia. Abbiamo così potuto esprimere il desiderio di far accreditare AD Swiss come unità di segnalazione e abbiamo anche potuto mediare il contatto. Penso che lo scambio stabilito e regolare con i vari attori del cantone di Soletta abbia dimostrato il suo valore. Naturalmente, il panorama politico è diverso in ogni cantone, ma noi come professione medica non possiamo evitare una migliore rete politica e rimanere in contatto.

 

Interazione ottimale dei sistemi e dei giocatori per una maggiore efficienza e sicurezza nella routine quotidiana di allenamento

 

Lei ha menzionato l’integrazione della “vaccinazione AD Swiss Covid” nel software della pratica. Quali esperienze avete avuto con questo e quanto sono importanti per voi queste integrazioni e il dialogo con i partner IT?

Il collegamento di “AD Swiss Covid-Impfen” al nostro software di pratica vitomed si è rivelato un grande successo. Tali integrazioni significano più efficienza, più qualità e, a causa del tempo risparmiato – per esempio non inserendo gli stessi dati due volte – anche più tempo per il lavoro diretto del paziente.

Lavoro solo digitalmente nello studio dal 2002. Ho già migrato l’intero sistema su un nuovo sistema due volte e quindi ho familiarità con diversi software di pratica. La pandemia ha chiaramente innescato una spinta allo sviluppo digitale e ha anche mostrato ai medici ciò che è possibile digitalmente. Vedo il futuro lì. Non possiamo chiudere la mente ad esso. Per me, una pratica digitale con un flusso di lavoro ben collaudato e definito è anche una questione di efficienza e sicurezza nella pratica quotidiana. Nel nostro studio, ci siamo seduti con le persone di Vitodata e abbiamo messo a punto e cambiato il sistema fino a renderlo adatto al nostro studio di gruppo con tre medici. Alcuni dei cambiamenti sono stati poi portati a Vitodata per un ulteriore sviluppo.

 

AD Swiss e HIN sono società che sono nelle mani dei medici attraverso le partecipazioni di FMH e Ärztekasse. Come valuta l’impegno della professione medica a fondare e finanziare da sola questi fornitori di servizi IT?

Penso, soprattutto in base all’esperienza dello sviluppo a rotazione della somministrazione di vaccini e del rilascio di certificati, che sia molto importante che anche coloro che alla fine devono usarli stiano dietro a questi servizi con urgenza. Solo in questo modo le esigenze della pratica quotidiana possono essere efficacemente incorporate nei processi.

Con l’avanzare della digitalizzazione, aumentano anche i rischi di fuga di dati sensibili, di hacking o anche di cancellazione accidentale. Come si assicura che i dati dei pazienti siano protetti in ogni momento?
Siamo dotati di firewall e programmi anti-virus, diamo importanza all’esecuzione di aggiornamenti regolari dei sistemi, Vitodata effettua regolarmente la manutenzione del server più volte all’anno. Due volte al giorno, viene fatto un backup di sicurezza su un server esterno. Gli impiegati sono ripetutamente sottoposti a processi di sensibilizzazione.
Stiamo già pensando alla revisione della legge sulla protezione dei dati e stiamo considerando il passaggio a una protezione estesa dal 2022, con la possibilità di un consenso scritto del paziente per l’elaborazione elettronica dei dati tramite l’inserimento sul blocco delle firme e la successiva memorizzazione diretta.

 

Come medico, vuoi essere in grado di concentrarti sui problemi medici e sul trattamento dei tuoi pazienti. Dove le soluzioni digitali potrebbero alleggerire ancora di più voi e il vostro staff?

I miei desideri: archiviazione automatizzata dei rapporti dei pazienti nei sistemi primari, moduli digitali funzionanti, divulgazione degli indirizzi di posta sicuri dei servizi degli ufficiali medici (per mancanza di indirizzi di posta inviamo ancora carta in tutto il mondo), integrazione più facile dei dispositivi medici nel software della pratica senza dover affrontare uno sforzo finanziariamente doloroso e ricorrente per le interfacce dorate ogni volta e dover negoziare per loro in ping-pong con le aziende … posso desiderare ancora? Come ho detto, vedo un potenziale nel fatto che sempre più moduli per richieste di informazioni sull’assicurazione contro gli infortuni o per assicurazioni di indennità giornaliera/assicurazioni sanitarie saranno compilati automaticamente. Il carico di lavoro amministrativo è cresciuto enormemente in questo settore. Nel frattempo, la compagnia di assicurazione sanitaria richiede una dichiarazione per ogni farmaco dispensato, al fine di poter sondare eventuali limitazioni.

 

Come valuta i benefici della cartella informatizzata del paziente (CIP) e l’importanza dei servizi complementari che vengono utilizzati in aggiunta alla CIP?

Sono un po’ scettico sulla CIP e temo un imminente deserto di PDF se la cartella non viene mantenuta dal paziente per quanto può. Tuttavia, probabilmente avrà bisogno di aiuto nella giungla dei termini tecnici, e dato che siamo già molto ben coperti dal lavoro amministrativo delle compagnie di assicurazione sanitaria, ecc, il nostro tempo per tale lavoro è limitato. Tutto questo si perde nel tempo trascorso a contatto diretto con il paziente. Dobbiamo soppesare il tutto. D’altra parte, vedo molto potenziale nei servizi menzionati. Non appena questi potranno attingere automaticamente i dati dai sistemi primari, questo raggiungerà un’altezza di volo utile. Altrimenti, sono più veloce a generare una prescrizione a partire dai dati della storia medica digitale e a inviarlo per e-mail alla farmacia. Lo stesso vale per i rapporti di rinvio, che ho scritto con Dragon nel sistema di dettatura e che invio in un batter d’occhio. Dobbiamo tutti rimanere in contatto per spingere la palla nella porta giusta.

La pandemia di Covid 19 ha innescato un’impennata dello sviluppo digitale. Nell’intervista, Cornelia Meier, MD, racconta le sue esperienze. È specialista in medicina interna generale FMH e co-presidente della Società dei medici del Cantone di Soletta GAeSO. Nel suo studio, utilizza il servizio “AD Swiss Covid-Impfen” dal gennaio 2021 e ha accompagnato il suo sviluppo come utente pilota.

 

Dottor Meier, come è nata la sua collaborazione con AD Swiss?

A causa dei difficili sviluppi in materia di scambio di dati nazionali a livello di cartella informatizzata del paziente (CIP), come associazione medica cantonale abbiamo fatto conoscere da tempo ai nostri membri i servizi di AD Swiss. In particolare, perché non è necessario installare programmi aggiuntivi per utilizzare i servizi di AD Swiss, ma i fornitori di servizi sono già “pronti” per gli ulteriori accessi attraverso il loro collegamento HIN.
Durante questa pandemia, siamo stati in contatto precoce e regolare con le autorità sanitarie cantonali (GesA). In questo modo, siamo riusciti anche a convincere le autorità cantonali che l’accreditamento di AD Swiss come unità di reporting nei confronti della Confederazione e del Cantone è una situazione vantaggiosa per tutti.

 

Siete già stati coinvolti nella fase pilota del servizio “AD Swiss Covid vaccination” e avete fornito un feedback. Com’è stata quell’esperienza?

Siamo stati in grado di fare esperienza con i processi in cinque pratiche pilota nel cantone già nel gennaio 2021. I problemi potevano così essere registrati su base 1:1 e analizzati insieme ad AD Swiss dove le leve di miglioramento potevano essere applicate prima che le vaccinazioni e i relativi processi fossero poi introdotti nelle pratiche da metà aprile. È stato uno sviluppo a rotazione e, in retrospettiva, una buona esperienza per il sistema che oggi funziona molto bene. Ha reso chiaro quanto siano importanti l’interazione e la comunicazione da entrambe le parti.

 

Come utilizzate voi stessi “AD Swiss Covid-Impfen” nella vostra pratica oggi?

Ad oggi, abbiamo effettuato circa 800 vaccinazioni nel nostro studio. All’inizio, abbiamo tenuto dei pomeriggi di vaccinazione per far fronte al gran numero di persone che volevano essere vaccinate ma non volevano andare in un centro di vaccinazione per vari motivi. A questo scopo, l’intera operazione è stata chiusa a favore dell’organizzazione della vaccinazione. Nel frattempo, con le procedure praticate e il personale addestrato, possiamo offrire da 20 a 24 vaccinazioni al giorno senza interrompere le operazioni. Grazie ad AD Swiss e all’interfaccia integrata nel software dello studio, i processi amministrativi sono diventati molto più semplici, snelli e pratici.

 

Che feedback hai ricevuto da altri medici di Soletta?

Era importante che i medici di Soletta avessero istruzioni adeguate e persone di contatto affidabili in caso di problemi a causa dei grandi ostacoli amministrativi, dall’ordinazione delle vaccinazioni e dalla registrazione all’emissione dei certificati di vaccinazione. All’inizio, ci sono stati alcuni problemi iniziali, che hanno richiesto molti nervi al momento dello stress con 50-60 vaccinatori in attesa nella pratica, che volevano essere serviti corona-compliant con intervalli e nella tradizionale cordialità. Ma la volontà del team di AD Swiss di testare e rendere disponibili nuove versioni e di liberare capacità di server a favore di un aumento della velocità del sistema, anche nelle azioni notturne e nella nebbia, ha calmato i nervi. Alla fine, il feedback sul supporto dei sistemi AD Swiss non è stato altro che positivo.

 

Parola chiave certificato Covid: quali esperienze ha avuto con esso?

Siamo anche strettamente coinvolti nel dialogo tecnico con il cantone per quanto riguarda il rilascio dei certificati. Ha senso che l’ufficio che ha vaccinato le persone e quindi registrato i dati personali rilasci anche il certificato. Così, la maggior parte delle pratiche hanno anche rilasciato i certificati di coloro che sono stati vaccinati prima del 30 giugno 2021 in modo retrospettivo. È stato di grande aiuto che questo fosse finalmente possibile nel sistema svizzero AD in una procedura semplificata “premendo un pulsante”, compreso l’invio tramite la Confederazione.

 

Il cantone di Soletta ha autorizzato per tempo AD Swiss come cosiddetta “unità di segnalazione”, affinché il servizio “AD Swiss Covid vaccinazione” possa essere utilizzato dai medici del cantone. Che consigli ha per i colleghi dei cantoni che non sono ancora autorizzati?

Come ho detto, eravamo già molto coinvolti nei dialoghi specialistici con il cantone dall’inizio della pandemia. Abbiamo così potuto esprimere il desiderio di far accreditare AD Swiss come unità di segnalazione e abbiamo anche potuto mediare il contatto. Penso che lo scambio stabilito e regolare con i vari attori del cantone di Soletta abbia dimostrato il suo valore. Naturalmente, il panorama politico è diverso in ogni cantone, ma noi come professione medica non possiamo evitare una migliore rete politica e rimanere in contatto.

 

Interazione ottimale dei sistemi e dei giocatori per una maggiore efficienza e sicurezza nella routine quotidiana di allenamento

 

Lei ha menzionato l’integrazione della “vaccinazione AD Swiss Covid” nel software della pratica. Quali esperienze avete avuto con questo e quanto sono importanti per voi queste integrazioni e il dialogo con i partner IT?

Il collegamento di “AD Swiss Covid-Impfen” al nostro software di pratica vitomed si è rivelato un grande successo. Tali integrazioni significano più efficienza, più qualità e, a causa del tempo risparmiato – per esempio non inserendo gli stessi dati due volte – anche più tempo per il lavoro diretto del paziente.

Lavoro solo digitalmente nello studio dal 2002. Ho già migrato l’intero sistema su un nuovo sistema due volte e quindi ho familiarità con diversi software di pratica. La pandemia ha chiaramente innescato una spinta allo sviluppo digitale e ha anche mostrato ai medici ciò che è possibile digitalmente. Vedo il futuro lì. Non possiamo chiudere la mente ad esso. Per me, una pratica digitale con un flusso di lavoro ben collaudato e definito è anche una questione di efficienza e sicurezza nella pratica quotidiana. Nel nostro studio, ci siamo seduti con le persone di Vitodata e abbiamo messo a punto e cambiato il sistema fino a renderlo adatto al nostro studio di gruppo con tre medici. Alcuni dei cambiamenti sono stati poi portati a Vitodata per un ulteriore sviluppo.

 

AD Swiss e HIN sono società che sono nelle mani dei medici attraverso le partecipazioni di FMH e Ärztekasse. Come valuta l’impegno della professione medica a fondare e finanziare da sola questi fornitori di servizi IT?

Penso, soprattutto in base all’esperienza dello sviluppo a rotazione della somministrazione di vaccini e del rilascio di certificati, che sia molto importante che anche coloro che alla fine devono usarli stiano dietro a questi servizi con urgenza. Solo in questo modo le esigenze della pratica quotidiana possono essere efficacemente incorporate nei processi.

Con l’avanzare della digitalizzazione, aumentano anche i rischi di fuga di dati sensibili, di hacking o anche di cancellazione accidentale. Come si assicura che i dati dei pazienti siano protetti in ogni momento?
Siamo dotati di firewall e programmi anti-virus, diamo importanza all’esecuzione di aggiornamenti regolari dei sistemi, Vitodata effettua regolarmente la manutenzione del server più volte all’anno. Due volte al giorno, viene fatto un backup di sicurezza su un server esterno. Gli impiegati sono ripetutamente sottoposti a processi di sensibilizzazione.
Stiamo già pensando alla revisione della legge sulla protezione dei dati e stiamo considerando il passaggio a una protezione estesa dal 2022, con la possibilità di un consenso scritto del paziente per l’elaborazione elettronica dei dati tramite l’inserimento sul blocco delle firme e la successiva memorizzazione diretta.

 

Come medico, vuoi essere in grado di concentrarti sui problemi medici e sul trattamento dei tuoi pazienti. Dove le soluzioni digitali potrebbero alleggerire ancora di più voi e il vostro staff?

I miei desideri: archiviazione automatizzata dei rapporti dei pazienti nei sistemi primari, moduli digitali funzionanti, divulgazione degli indirizzi di posta sicuri dei servizi degli ufficiali medici (per mancanza di indirizzi di posta inviamo ancora carta in tutto il mondo), integrazione più facile dei dispositivi medici nel software della pratica senza dover affrontare uno sforzo finanziariamente doloroso e ricorrente per le interfacce dorate ogni volta e dover negoziare per loro in ping-pong con le aziende … posso desiderare ancora? Come ho detto, vedo un potenziale nel fatto che sempre più moduli per richieste di informazioni sull’assicurazione contro gli infortuni o per assicurazioni di indennità giornaliera/assicurazioni sanitarie saranno compilati automaticamente. Il carico di lavoro amministrativo è cresciuto enormemente in questo settore. Nel frattempo, la compagnia di assicurazione sanitaria richiede una dichiarazione per ogni farmaco dispensato, al fine di poter sondare eventuali limitazioni.

 

Come valuta i benefici della cartella informatizzata del paziente (CIP) e l’importanza dei servizi complementari che vengono utilizzati in aggiunta alla CIP?

Sono un po’ scettico sulla CIP e temo un imminente deserto di PDF se la cartella non viene mantenuta dal paziente per quanto può. Tuttavia, probabilmente avrà bisogno di aiuto nella giungla dei termini tecnici, e dato che siamo già molto ben coperti dal lavoro amministrativo delle compagnie di assicurazione sanitaria, ecc, il nostro tempo per tale lavoro è limitato. Tutto questo si perde nel tempo trascorso a contatto diretto con il paziente. Dobbiamo soppesare il tutto. D’altra parte, vedo molto potenziale nei servizi menzionati. Non appena questi potranno attingere automaticamente i dati dai sistemi primari, questo raggiungerà un’altezza di volo utile. Altrimenti, sono più veloce a generare una prescrizione a partire dai dati della storia medica digitale e a inviarlo per e-mail alla farmacia. Lo stesso vale per i rapporti di rinvio, che ho scritto con Dragon nel sistema di dettatura e che invio in un batter d’occhio. Dobbiamo tutti rimanere in contatto per spingere la palla nella porta giusta.